IL CONTRIBUTO PFU

Il contributo PFU

Il contributo PFU è un contributo applicato al momento dell’acquisto di pneumatici nuovi utile ad assicurare i fondi necessari al loro corretto smaltimento, una volta giunti a fine vita e quindi non più utilizzabili, nel rispetto della normativa vigente.


I pneumatici sono infatti composti per larga parte di materiali non biodegradabili che, se non smaltiti nella maniera più corretta e nel rispetto dell’ambiente, possono causare inquinamento e degrado. Il loro smaltimento deve quindi essere effettuato seguendo specifiche direttive che evitino il rilascio di sostanze tossiche nell’ambiente. Ma anche che permettano di recuperare quelle materie prime che possono essere impiegate per diversi e molteplici utilizzi: dall’isolamento termico per le abitazioni al bitume utile ad asfaltare le strade.


L’ammontare del contributo PFU richiesto dipende principalmente dal tipo di pneumatico considerato e soprattutto dal suo peso. In fattura deve comparire, a norma di legge, il contributo PFU versato.


Sui pneumatici ricostruiti il PFU non si applica perché è già stato versato nel momento in cui sono stati messi sul mercato per la prima volta ed essendo ricostruiti non possono essere trattati come pneumatici nuovi.


La normativa di riferimento è il decreto ministeriale numero 82 dell’11 aprile del 2011.