PRESSIONE DEI PNEUMATICI

PRESSIONE DEI PNEUMATICI

PERCHÉ LA PRESSIONE DEI PNEUMATICI È COSÌ IMPORTANTE?

Una pressione dei pneumatici adeguata presenta numerosi vantaggi:

  1. Sicurezza: consente un ottimale controllo del veicolo in termini di prestazioni, stabilità di marcia e riduzione dello spazio di frenata. Mantiene inoltre la giusta temperatura dei pneumatici, evitando il rischio di cedimenti accidentali.
  2. Risparmi: contribuisce a ridurre l’usura del pneumatico e il consumo di carburante 
  3. Ambiente: una pressione corretta limita il consumo di carburante riducendo quindi le emissioni di co2 
  4. Praticità: garantisce una guida più confortevole

OGNI QUANTO DEVO CONTROLLARE LA PRESSIONE DEI PNEUMATICI?

La pressione dei pneumatici deve essere controllata almeno una volta al mese, a pneumatici freddi, poiché la pressione aumenta quando il pneumatico è caldo, dando così una lettura non corretta. Ti consigliamo anche di controllare sempre i pneumatici prima di un lungo viaggio.

PRESSIONE DEI PNEUMATICI

COSA SUCCEDE SE I PNEUMATICI SONO ECCESSIVAMENTE GONFI?

I pneumatici assorbono con maggiori sollecitazioni gli urti causati dalle buche e da altre irregolarità della superficie stradale: ciò incide sul comfort di guida e può causare danni accidentali alla struttura del pneumatico. Una pressione eccessiva può inoltre influenzare negativamente l’usura regolare del battistrada e quindi la durata dei pneumatici.

COME POSSO SAPERE QUAL È LA PRESSIONE DI GONFIAGGIO CORRETTA?

Per conoscere la pressione di gonfiaggio corretta per i pneumatici del tuo veicolo, consulta il manuale di uso e manutenzione oppure cerca le targhette apposte sullo sportello lato conducente, nel vano portaoggetti o nella copertura del bocchettone di rifornimento. È importante ricordare che maggiore è il carico utile del veicolo, maggiore deve essere la pressione.

PRESSIONE DEI PNEUMATICI

È CONSIGLIABILE GONFIARE I PNEUMATICI CON AZOTO?

Nell’impiego sportivo o in veicoli ad elevatissime prestazioni, dove i pneumatici sono molto sollecitati ad alte temperature, l’utilizzo dell’azoto è sicuramente utile e consigliato. L’assenza di umidità, infatti, che invece è presente in percentuali molto variabili nell’aria, limita molto le fluttuazioni di temperatura e quindi le variazioni di pressione quando il pneumatico è sottoposto ad impieghi molto gravosi (in competizione le temperature superano facilmente i 100-120 °c).
Questa è la ragione principale per cui viene utilizzato nelle competizioni, dove le variazioni incontrollate delle pressioni di esercizio sono da evitarsi in quanto influenzano negativamente il comportamento dinamico dei veicoli.
Nell’uso comune, sebbene l’assenza di umidità e di altri gas potenzialmente negativi per pneumatico e cerchio sia comunque un aspetto positivo, i suoi benefici sono limitati a causa dell’impiego meno esasperato che l’utente comune fa della propria auto.

È POSSIBILE GONFIARE CON ARIA NORMALE UN PNEUMATICO PRECEDENTEMENTE GONFIATO CON AZOTO?

Non ci sono controindicazioni nel gonfiare con aria un pneumatico precedentemente gonfiato ad azoto: ricordiamo infatti che l’aria è composta per circa il 78% di azoto. E’ comunque opportuno assicurarsi che tutti i pneumatici siano gonfiati allo stesso modo.