Come gestire la flotta al meglio: guida completa

Operare una corretta gestione della flotta aziendale è fondamentale e può portare numerosi vantaggi a ogni genere di impresa, come l’abbattimento dei costi della propria flotta e la riduzione dei consumi di carburante. Al giorno d’oggi sono disponibili dei veri e propri software di gestione per le flotte aziendali, che aiutano i manager a calcolare ogni singolo fattore. Nel tempo si riusciranno a notare numerosi benefici, in grado di coinvolgere anche la qualità del lavoro.

Vediamo insieme, nelle prossime righe, quali sono i fattori chiave per una buona gestione della flotta aziendale.

Acquisto e manutenzione

 

Iniziamo da due dei costi principali che è necessario sostenere.

 

Il primo è il costo per l’acquisto dei veicoli: maggiore è il numero delle auto, più grande sarà il costo da sostenere. Fortunatamente esistono numerose soluzioni che consentono di ridurre il valore del costo iniziale, come ad esempio il leasing. Attraverso questa opzione è possibile versare un anticipo, per poi pagare il mezzo attraverso rate mensili.

 

Al termine del contratto c’è la possibilità di restituire il veicolo all’azienda proprietaria o di riscattarlo attraverso una rata finale. Chi gestisce flotte aziendali ha il compito di valutare i contratti, negoziando di volta in volta per l’acquisto di nuovi mezzi di trasporto, e scegliendo quali dismettere.

 

Anche la manutenzione è un costo da non sottovalutare. Tutti i mezzi devono essere in perfette condizioni, perché dalla loro operatività dipende l’attività commerciale dell’impresa.

 

Per questo consigliamo di affidarsi a servizi di assistenza pronti a fornire sostegno rapido e competente alle flotte aziendali, come l’officina mobile proposta da FirstStop.

Ottimizzazione dei consumi

 

Un altro fattore da tenere costantemente sotto controllo sono i consumi. Questo genere di analisi può portare a valutare l’introduzione di nuovi veicoli, dotati di motori più efficienti. Ad esempio, negli ultimi anni molti hanno scelto le vetture ibride e quelle elettriche, che richiedono un costo minore, in termini di consumi, rispetto alle classiche automobili a benzina.

 

Un dettaglio da non sottovalutare è l’ottimizzazione dei percorsi. Studiando le strade su cui si muovono i veicoli si può scoprire come diminuire i tempi o ridurre i consumi. In più, una buona gestione prevede anche il calcolo delle soste e l’analisi dei tempi, valutando la differenza tra l’ora di arrivo prevista e quella in cui si è effettivamente raggiunto l’obiettivo.

Utilizzo di software dedicati

 

Oggi il ruolo dell’informatica è diventato fondamentale per chi vuole ottimizzare l’attività della propria azienda. Attraverso un buon software di gestione della flotta è possibile raccogliere i dati, catalogarli e ottenere immediatamente delle analisi dedicate. Non bisogna comunque sottovalutare l’aspetto umano: è importante che a monitorare questi dati ci sia un manager competente ed esperto, in grado di andare oltre i semplici numeri.

 

L’utilizzo di software avanzati consente di unire e collegare diversi servizi tra di loro,  migliorando l’efficienza dell’azienda e permettendo a diversi settori di comunicare facilmente.

 

Ad esempio, inserendo un tracciatore GPS all’interno dei veicoli, si possono ricavare diversi risultati, come controllare i percorsi (e ottimizzarli, come detto nel paragrafo precedente) e fornire un miglior servizio di assistenza ai clienti. In questo modo, chi lavora all’interno della customer care, può immediatamente scoprire dove si trova uno specifico veicolo.

 

In più, questi sistemi possono anche aiutare chi è alla guida del veicolo, fornendo dati utili e preziose indicazioni basate su quanto raccolto in precedenza.

Il fattore umano: l’importanza del coaching

 

Infine, un manager deve essere in grado di gestire nel dettaglio la formazione dei conducenti. In primis, è fondamentale monitorare che tutto sia in regola, a partire dalle patenti e da tutte le singole normative che possono coinvolgere il lavoro di chi è alla guida della flotta aziendale.

 

Inoltre, è importante portare avanti dei veri e propri programmi di coaching, così da illustrare ai conducenti quali sono le giuste norme da mantenere, in considerazione di quelli che sono i valori dell’azienda. In che modo bisogna comportarsi sulla strada? Che tipo di atteggiamento bisogna tenere con i clienti? Sono tutti dettagli da considerare anche in virtù dell’immagine dell’azienda che si vuole trasmettere. A tal proposito, può essere utile organizzare un sistema di rilevazione dei feedback, così da valutare periodicamente i risultati ottenuti dai dipendenti.

 

Proprio per questo, oggi molte aziende organizzano corsi e giornate di formazione, che possono avere anche lo scopo di creare un miglior rapporto di squadra all’interno del team.