Qual è il camion più grande del mondo?

L'argomento suscita curiosità nei bambini di tutte le età: chi non ha mai sognato di scoprire qual è il camion più grande del mondo? Tra i primi giocattoli d'infanzia almeno un modellino di camion ha fatto bella mostra di sé nelle camerette dei più piccoli. Quello che colpisce di questi mezzi è la loro mole: grandi, grossi e pesanti. I camion impressionano per la sensazione di potenza che emanano anche da spenti.

La classifica dei camion più grandi del mondo

 

Questa classifica dei camion più grandi del mondo annovera una ristretta rosa di modelli: una nicchia nella nicchia, che meriterebbe intere pagine per poter essere ben analizzata. Tagliamo corto dunque, e lasciamo spazio a loro:
 

  1. Belaz 75710: vanta il titolo di camion più grande al mondo. Ferma la bilancia a quota 546 tonnellate a pieno carico. La portata massima è impressionante: 450 tonnellate nominali. In miniera si parla di numeri ancora superiori, ma non ditelo in giro.
  2. Caterpillar CAT 797: se non sono grossi, non sono americani. CAT 797 non è da meno. Questo bestione a stelle e strisce riesce a trasportare fino a 400 tonnellate di materiale. Il suo peso a vuoto è di 225 tonnellate. L'icona per eccellenza dei mezzi da miniera. 
  3. Terex MT 6300AC: con una capacità di carico netta che arriva a 363 tonnellate, questo bisonte a quattro ruote si piazza appena dietro al mitico Caterpillar. Come da tradizione per la categoria, la massa utile trasportabile è inferiore al peso stesso del veicolo, che sulla bilancia non va oltre le 240 tonnellate
  4. Belaz 75601360 tonnellate di carico per un peso netto di 250 tonnellate fanno del bielorusso Belaz uno dei camion da miniera più performanti in assoluto. Per dare un'idea delle capacità del mezzo, basti pensare che il suo 20 cilindri diesel ha bisogno di 300 litri d'olio per essere lubrificato. Non osiamo immaginare le spese per il tagliando.

I dati tecnici

 

Questa speciale classifica conta esclusivamente mezzi da miniera, che per mole e capacità di carico surclassano qualsiasi altro camion in circolazione. Le dimensioni sono a dir poco impressionanti: il Terex Titan 33-19, di costruzione canadese ma ormai dismesso, arrivava a misurare 20 metri di lunghezza. Valore sorpassato di 60 centimetri dal Belaz 75710largo 10,67 metri e alto 8,17. A spingere tutto questo ferro ci sono due V16 diesel capaci di erogare la bellezza di quasi 2.300 cavalli ciascuno. La sua velocità massima sfiora i 64 km/h, valore tutt'altro che trascurabile, considerando poi che il camion deve potersi fermare in sicurezza. Degna di nota a tal riguardo la frenata del Belaz 75601, che fa affidamento ad un sofisticato sistema elettromagnetico per arrestare il camion nelle ripide discese delle miniere. L'americano CAT fa meglio dei bielorussi in quanto a efficienza, dato che con "soli" 3550 cavalli riesce a raggiungere i 65 km/h. Prestazioni del tutto simili per il Terex MT 6300AC, che può vantare 200 cavalli in più del Caterpillar.

Record e curiosità

 

Tutti i camion presenti in classifica mostrano dati tecnici da primato, essendo stati progettati per assolvere a compiti altrimenti impossibili per qualsiasi altro mezzo da lavoro. Per dare un'idea, basti pensare che la Caterpillar assembla il suo CAT 797 direttamente nella miniera dove prenderà servizio. Il Belaz 75710 è entrato ufficialmente nel Guinness World Record per essere il ribaltabile con la maggior capacità di carico in assoluto. Il bielorusso stabilisce il record nella categoria degli autocarri a due assi anche per quanto riguarda il volume utile di carico, che arriva a ben 645 metri cubi. I camion da miniera stupiscono anche per manovrabilità: non è raro vederli intraversare quando viaggiano scarichi, per vezzo degli autisti più esperti. La capacità di manovra in spazi ristretti è di fondamentale importanza per questi mezzi, e i driver chiamati a pilotarli sono dei veri e propri specialisti.

Quanto lavora un camionista?

 

Tanta potenza e tali capacità di carico vanno gestite con perizia e ottime capacità di pilotaggio. Per guidare i Dumper c'è bisogno non solo di patenti speciali, ma anche di corsi di formazione specifici che abilitano alla loro conduzione. Il camionista da miniera è chiamato a turni di lavoro che possono variare di molto, a seconda delle necessità dell'azienda appaltatrice. In Italia, nel settore trasporti i camionisti sono tenuti a rispettare turni di lavoro ben precisi. Il cronotachigrafo registra tutto, con il driver che non può superare le 9 ore di guida al giorno. L'autista non può viaggiare più di 56 ore a settimana, rispettando inoltre delle soste obbligatorie di 45 minuti ogni 4,5 ore di guida.


Per servizi su pneumatici autocarro rivolgiti al Centro First Stop più vicino a te che offre servizi autocarro.

 

 

Hai bisogno di altre informazioni o consigli?

 

Contatta subito il Centro First Stop più vicino a te!